“Patanelle arruscate. Provola. Salsiccia Paesana” di Pietro Ottaiano, Settembre 2017.

cropped-coprtinagiovanni5.jpgPassato quasi un mese. Le vacanze sono ormai un ricordo. Ci siamo riposati, ci siamo abbronzati. Mo si riparte. Subito in giro a caccia. A caccia di pizze. Buone sì, fantastiche. Ma soprattutto a caccia di emozioni. Quelle emozioni vere, sincere. Che tra na decina di anni ricorderai come se fosse ieri. In maniera vivida, distinta. Come le risate con gli amici di una vita. Quelli pochi, ma buoni. Quelli con cui te spart tutt cos. Delusioni e Gioie e dolori. O suonn. Quegli amici come Gino, che ormai non è più un amico, ma un fratello. Che t’accompagna in braccio fino e dentro al letto quando ti sei spezzato una caviglia e i tuoi sono fuori in viaggio. Che ti asseconda, bell e buon, in una pausa pranzo in mezzo alla settimana per accompagnarti da…

Pietro Ottaiano, pizzaiolo, panettiere e proprietario di “Panificio Michelangelo, alias BOB” in viale Michelangelo 27, Cercola. Napoli.

Avventura Fantastica 019 - Panificio BOB 1Non è la prima volta che vengo qui. E non sarà manco l’ultima ve lo posso assicurare. Così come sono sicuro che ci tornerete più e più volte anche voi. Il primo incontro circa due anni fa. Mi ci portò Mr. Puok in persona, Egidio Cerrone. O Bobb, così lo chiamiamo tutti, è un panificio a conduzione familiare. Con un parcheggio assai grande. E qualche tavolino per mangiare fujenn fujenn nu sfizio o na bella fetta di pizza. Pietro è un grandissimo lavoratore. A testa bassa tra forno e sala. Umilissimo, sta lì sempre in prima fila. A panificare. Impastare. Sperimentare. Imparare. Migliorare. Ora è lui a capo. Il papà ha lasciato tutto nelle sue mani. Abilissime con i lievitati. È tutta una famiglia di panettieri la sua, fanno questo dal dopoguerra. Lui invece è “solo” da una decina di anni che si sporca le mani di farina. Ma è giovanissimo. E navigato. La sua pizza è a Lievito madre. O cosiddetto Criscito, che si tramandano di generazione in generazione da circa cento anni. Forte. Bello. O guappo criscito insomma. Guappo come la FANTASTICA che io e Gino abbiamo spalummato (divorato voracemente) senza pietà…

2Provola. Salsiccia paesana. Patanelle arruscate al forno. Non ha un nome. È solo ignorantissimamente FANTASTICA.

Avventura Fantastica 019 - Panificio BOB 3Avventura Fantastica 019 - Panificio BOB 4Perché ingnorantissimamente? Perché è accussì. Bell. Piaciona. Popolare e devastante. Trasuda genuinità. Ed estrema semplicità. Ti fa ricordare la pizza che ti faceva nonna da bambino. Chell che patanell e un po’ di carne perché altrimenti era troppo leggera. E ti sciupavi. Bell ra nonna. In effetti sono tre ingredienti semplicissimi. Su un impasto bbbbuonissimo. Pietro lo tratta come suo figlio. Lo fa lievitare dalle 16 alle 18 ore. Lo cuoce all’interno di un rutelluccio, in un forno a legna alimentato che scorze e nucelle (con i gusci delle nocciole). Così come si faceva una volta. La cottura viene perfetta. La base è croccante. Il cornicione bassissimo, quasi inesistente e un’alveolatura a dir poco fantastica. Avventura Fantastica 019 - Panificio BOB 14Il profumo è inebriante. Di pane cafone. Di crosta. Fragrantissimo. E della salsiccia ne vogliamo parlare? A sasicc paisana. Quella a macina grossa e a punta di coltello.

Che ci sta pure nu poc e vino all’interno. Che quando si cuoce pare che si sta brasando. E si sente nu profumo assurdo. Il grasso si scioglie ed in bocca esplodono tutti gli aromi. La patata assieme alla provola viene bella arruscatella arruscatella in quel forno anni ’30. (ingrandite le immagini).

Ma non secca. Pietro è bravissimo nella cottura. La pizza resta umida e sugosa. Porca. Godereccia e goduriosa. Che ti sporchi le dita e te le devi leccare per forza tanto che è buona. Sembra un po’ come se stessi mangiando nu rutelluccio di patate e salsiccia sotto al forno la domenica a pranzo. Tal e quale. Di quelli fatti con amore e passione da tua mamma, dalla nonna. Di quelli di cui non saresti mai sazio…come di questa FANTASTICA insomma.

Signori e signore, questa è una Pizza Fantastica. Benvenuti nel mio Mondo.

Se ti è piaciuto, seguimi anche sugli altri account social, basta cliccarci su:

Cià.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s