“Blue” di Francesco Vitiello, Luglio 2017.

cropped-coprtinagiovanni5.jpgHo sempre visto il cibo come un qualcosa da cui trarre emozioni. Qualcosa che ti facesse stare bene. E la pizza come una vera e propria arte. A volte troppo bistrattata da dietologi e nutrizionisti. “Solo il sabato sera. Mi raccomando, mignon. Poca mozzarella. E senza olio”. Pane e pummarole insomma. Che miseria è chest! Per questo forse ho sempre avuto un cattivo rapporto con i nutrizionisti. Ma non con la dottoressa Pina. Lei, mi accontentava sempre. La pizza che volevo al sabato sera. E pure pane e marmellata a colazione. Elacc. Qualche giorno fa mi arriva un messaggio: “insomma non sto più a dieta, tienimi presente per provare qualche pizza”. Ilaria, la figlia della dottoressa, mia amica. Tieniti pronta. Stasera ti passo a prendere, andiamo da…

Francesco Vitiello, pizzaiolo e proprietario di Casa Vitiello in Piazza Monsignor Nicola Suppa, Tuoro. Caserta.

Avventura Fantastica 018 - Casa Vitiello 1Parcheggi la macchina in piazzetta. Lì vicino. Entri nel palazzo e ti ritrovi un’atmosfera surreale. Na specie di vialetto stritt con alberi a destra e sinistra. Tavolini e panche all’aperto. Tra gli alberi. Luci soffuse. Calde. Romantiche. Un chiacchiericcio di fondo dolce. Di persone che gustano una pizza. Percorri tutto il vialetto ed arrivi a casa di Ciccio. Lo trovi lì dietro al banco ad ammaccare. Veloce. Preciso. Attento. Nu vola na mosca. E poi gioca, con il forno. Mai visto un forno così. Sembra un carosello (a giostra che cavalli dentro a Mary Poppins per intenderci). Sale e scende, ruota. Nu forno a legna magico. Lui, Ciccio, è matto per la panificazione ed a soli 25 anni ha già la stoffa di un veterano. Sa benissimo quello che vuole. E vuole migliorare e migliorarsi, innovando. Diversificandosi. È il primo locale ad avere una carta degli impasti. Tradizionale, grano arso, canapa, integrale. Ce sta a se sfezià. Ma ci tiene a rispettare la tradizione e le Pizze tradizionali. Una Margherita con impasto alla canapa? Mai, manc a pavà oro! ma non è solo questo. È maniacale negli accostamenti e nelle farciture. Semplici e devastanti. Così come per la FANTASTICA che ho preso…

Avventura Fantastica 018 - Casa Vitiello 2_1Fior di Latte di Agerola. Blue di Bufala. Pancetta stufata di Nero Casertano all’uscita. Pepe di mulinello. Giro di olio evo a crudo. “Blue” scioglievolissimamente FANTASTICA.

Avventura Fantastica 018 - Casa Vitiello 3Avventura Fantastica 018 - Casa Vitiello 4Impasto tradizionale. Poche chiacchiere. È impressionante. Per leggerezza. Per consistenza. Per sapore. Per identità. È sapurito. Mi ripeto e lo faccio ancora. Comm è buon! È buono perché il cornicione tiene na crosticina croccante che ti fa arricreare. Tutta opera del semolino che Ciccio utilizza per ammaccare i panielli e della magia che avviene in quel forno rotante. Esternamente c’è la crosticina ed all’interno ci trovate le ragnatele di Spiderman.

Avventura Fantastica 018 - Casa Vitiello 7Scioglievole e profumato come profuma la casa quando nonna ti fa e scagnuzzielli (se non li conoscete andateveli a cercare su google e vergognatevi). È solo l’inizio. Si sente il profumo del latte, leggermente acido. Si vede una crema color panna con le venature blu.

Fai il primo boccone. Il palato esplode a contatto con il formaggio erborinato. Si sente all’inizio il sapore delicato e dolce del latte di bufala. Pian piano arriva la nota piccante dovuta alla stagionatura. Ci va a pennello con la pancetta stufata. Si sente tutto il sapore del maialino nero. Sapido. Deciso. Tenerissimo. Si squaglia letteralmente in bocca. E quella macinata di pepe fresco. E che vo cont a fa. Papille gustative in estasi. Mangio tutto il cornicione. Reset. Pronti alla nuova fetta. Fino alla fine.

Avventura Fantastica 018 - Casa Vitiello 9

Dove vuole arrivare Ciccio Vitiello? E chi lo sa, sta tutto nelle tue mani wagliò.

Signori e signore, questa è una Pizza Fantastica. Benvenuti nel mio Mondo.

Se ti è piaciuto, seguimi anche sugli altri account social, basta cliccarci su:

Cià.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s